Gli ingegneri non procreano, costruiscono!

Gli ingegneri non procreano, costruiscono!

di Federico Bellucci

Gli ingegneri, si sa, prendono le cose seriamente. E diventare padre per loro è la massima realizzazione possibile: in ballo c'è la creazione di un "oggetto" speciale. Dove i comuni mortali vedono solo un problema, l'ingegnere vede una sfida, un'opportunità, un modo di mettere a frutto le sue conoscenze e i suoi studi. Divenuto padre, il parco giochi sarà il vero e proprio laboratorio per la rappresentazione pratica di molte delle teorie studiate al primo anno di università: il piano inclinato a pendenza variabile con variazione di energia cinetica (lo scivolo), il pendolo (l'altalena), la leva di prima specie con carico variabile (il dindolò). "La data del concepimento", "La cameretta", "Il lettino", "Le storie della buonanotte" sono solo alcuni dei capitoli e degli argomenti affrontati in questo libro che ripercorre dal punto di vista degli ingegneri l'esperienza della paternità: Analisi e Progettazione, Realizzazione, Collaudo.