Il lupo di mare

Il lupo di mare

di Jack London

«La burrasca s'era sfogata durante la notte, ma il mare era ancora molto grosso e il vento soffiava forte. Il Ghost filava con tutto a riva, salvo le vele di gabbia e il controfiocco.» Il mare unisce le vite di Wolf Larsen, il duro comandante del Ghost, e quella di Van Weyden, delicato e giovane scrittore. Due uomini che non potrebbero essere più diversi: la forza fisica contro la ragione, la legge del più forte contro le regole sociali. Due uomini divisi in tutto, ma uniti dall'attrazione per un'eterea poetessa finita anche lei per caso a bordo del Ghost, che naviga a caccia di foche. È un duello mortale quello che si scatena, combattuto con il corpo e con la mente in un vorticoso intreccio di colpi di scena fino all'epilogo dove il mare, ancora una volta, cambierà per sempre i destini degli uomini. Un grande classico del mare firmato da Jack London (1876-1916), scrittore americano dalla vita avventurosa. È stato, tra l'altro, marinaio, cacciatore di foche, pirata di ostriche nella Baia di San Francisco. Nel 1907 con la moglie Charmian si imbarca per un viaggio nel Pacifico a bordo dello Snark e tocca le Hawaii, Tahiti e le Isole Salomone. Fra le sue opere ricordiamo Martin Eden, Zanna Bianca e Il richiamo della foresta.