Scuola liquida. La liquidazione della scuola pubblica

Scuola liquida. La liquidazione della scuola pubblica

di Fernanda Mazzoli

La Legge 107 varata nel luglio 2015, la cosiddetta "buona scuola", è il tentativo più recente di dare profilo istituzionale alla deriva aziendalistica e consumista dell'istruzione voluta dalle oligarchie cui non sfugge l'alterità della conoscenza e del pensiero critico rispetto alla logica del profitto. Scuola azienda, dove impianto verticistico e addestramento alle competenze specifiche si combinano a formare lavoratori poco qualificati, destinati a precariato e sfruttamento, in ossequio alle politiche neoliberiste.

Scuola supermercato, dove allo studente-cliente si apre il ventaglio di un'offerta abbondante, allettante e intercambiabile, indirizzata a un consumatore onnivoro. Scuola leggera, fortemente impoverita nella sua dimensione formativa e culturale, subordinata alle esigenze immediate del mercato, obbediente al pensiero unico del totalitarismo digitale e tecnologico. Diventa necessario, allora, rovesciare il paradigma di subordinazione culturale al mercato, individuando proprio nella scuola il terreno fertile per un'apertura verso una visione diversa della società e della vita.