Il romanzo di Kurt Cobain

Il romanzo di Kurt Cobain

di Marcel Feige

"Kurt stava ingaggiando una lotta contro i propri demoni interiori, soprattutto contro le droghe. Lottava contro il successo, contro la fama, contro le aspettative che il mondo là fuori - i fan, la casa discografica, i media - nutriva nei suoi confronti. Per tacitare quei pensieri tormentosi, ma anche per lenire il bisogno, sempre presente in lui, di farsi in vena, si buttò sull'alcol e le pillole...

nulla in confronto alla fuga inebriante garantita dall'eroina.

Più prendeva le distanze dalla droga, più la desiderava. Si odiava, per questo". Dietro il mito di Kurt Cobain si nasconde un ragazzo segnato da un'infanzia instabile e dolorosa, pieno di talento ma così inquieto da trovare sollievo solo nella musica - e nelle droghe. Questa biografia narra la sua breve esistenza senza voyeurismo né luoghi comuni. Si legge come un romanzo. Insieme alla sua band, i Nirvana, Kurt Cobain è stato uno dei musicisti più influenti degli ultimi decenni.

Artista geniale e inquieto, sognatore in preda ai suoi stessi incubi, ci ha lasciati alla fatidica età di 27 anni - la stessa a cui sono morti Jim Morrison, Janis Joplin, Amy Winehouse. Chi era davvero? E cosa ha lasciato ai milioni di fan in tutto il mondo cbe continuano ad ascoltare le sue canzoni, ad andare in pellegrinaggio nei posti in cui ha vissuto, a trarre ispirazione dai suoi testi?